IL BLOG


IL MOVIMENTO REALE AL FOTOFINISH CON LO STATO DI COSE LATENTE.


martedì 5 febbraio 2013

Carl Schmitt


10 commenti:

  1. Negli USA lo studiano all'accademia militare.
    Non all'università, all'accademia militare: Auf Gott vertrauen wir

    RispondiElimina
  2. Beh se ci pensi... per i militari è fomdamentale saper distinguere tra freund e feind...

    RispondiElimina
  3. Però gli americani lo intendono in senso proprio schmittiano, nell’ottica strategica di ricostruzione di “grandi spazi” delimitati (per esempio in Asia e Medio Oriente).

    RispondiElimina
  4. "... si può dissentire dalle dure asserzioni del pensiero politico schmittiano, ma con ammirazione, e si può consentire alle soffici idee che comunemente lo combattono, ma senza amore".
    chi l'ha detto ?

    RispondiElimina
  5. Qualcuno che riteneva che si potesse essere liberali solo nella vita domestica.

    RispondiElimina
  6. a chi gli chiedeva se era un liberale rispondeva "chiedetelo a mia moglie". hai letto l'ultimo libro di Carlo Galli ? Comunque la precedente citazione chiaramente non può essere del buon Carl

    RispondiElimina
  7. Mi piace molto Carlo Galli, perché unisce rigore e passione. Ho letto Genealogia della politica, più altre cose più sintetiche pubblicate negli ultimi tempi. Sinistra, il suo ultimo, ancora non l'ho recuperato.

    La citazione potrebbe venire da qualche altro intellettuale di sinistra italiano, non saprei dire con certezza.

    RispondiElimina
  8. quando aprirai la prima pagina del libro di Galli leggerai proprio così: "chiedetelo a mia moglie".
    comunque ... tanto per continuare nel giochino ... "finché il terreno è occupato dal nemico bisogna spararci sopra, senza lacrime per le rose". Pensavo fossi un suo discepolo ...

    RispondiElimina
  9. Mai discepolo, sempre disertore.

    Tronti, sì.

    RispondiElimina