IL BLOG


IL MOVIMENTO REALE AL FOTOFINISH CON LO STATO DI COSE LATENTE.


martedì 17 novembre 2020

Orgoglioso di essere un negazionista

Il fatto che l’accidentale in quanto tale, separato dalla propria sfera, il fatto che ciò che è legato ad altro ed è reale solo in connessione ad altro ottenga un’esistenza propria e una libertà separata, tutto ciò costituisce l’immane potenza del negativo [...] 

G. W. F. Hegel, Fenomenologia dello Spirito

venerdì 16 ottobre 2020

Humachina per la Giornata dell'alimentazione [appunti dal taccuino EXPO 2015 ]


Il cibo, cotto o crudo che sia, è in ogni caso “mondo lavorato”, incorpora cioè lavoro umano, è il prodotto di attività integrate, di complesse mediazioni sociali. 

Nella vetrina EXPO, ogni riferimento alla base concreta e materiale della lavorazione sottesa alla preparazione degli alimenti è amputata in partenza. I piatti, i cibi, le portate sono presentate come realtà scisse e a sé stanti. Non cose, ma oggetti. Merci feticizzate.

Catturati nella fantasmagoria, si assiste addirittura a un duplice grado di astrazione, giacché il cibo non solo è separato dalla sua lavorazione concreta, dai rapporti sociali implicati, ma è presentato – sarebbe meglio dire messo in scena – in una forma essa stessa definitivamente disincarnata. 

Non è cibo mangiabile, è il suo spettacolo, la sua ultima illustrazione. In particolare modo, la sua immagine digitalizzata (es. il padiglione giapponese).

L’operazione di falsificazione spettacolare del mondo in EXPO prevede che la rappresentazione del cibo debba manifestarsi nella sua forma più pura e illusoria, ipnotica. Il cibo si vede e basta. Non si consuma. 

Le zone di ristoro sono collocate nel punto cieco del palcoscenico, sottratte allo sbrilluccichio dei padiglioni. Per acquistare e mangiare un panino scadente occorre defilarsi nelle aree periferiche, dove pure stanno i cessi.

La consumazione implica la masticazione, la digestione e la deiezione, tutte pratiche che rimandano a una materialità concreta che il dogma dello spettacolo deve occultare ed esorcizzare.

Il cibo a EXPO si smaterializza, si spiritualizza, diventa sovrasensibile, misteriosamente sociale, autonomo e indipendente, un feticcio danzante davanti ai visitatori dei padiglioni, passivi spettatori inebetiti dall’evento.

Le immagini fluttuano in rutilanti animazioni digitali su grandi schermi, come accade presso lo stand sudcoreano.


martedì 6 ottobre 2020

Per un'arte davvero totalitaria



Solo Humachina è vero Totalitarismo.


1-Humachina esprime una concezione totale della storia poiché – avendone afferrato il concetto puro – ha sterminato definitivamente il Tempo.

2-Humachina è trascendenza assoluta che non può dunque essere smentita da alcun dato empirico.

3-Humachina, dai dieci punti assiomatici costitutivi del proprio Manifesto , deduce necessariamente da sé l’intero Mondo.

Affermiamo dunque, senza tema di smentita, che
fascismo, nazismo e stalinismo non furono abbastanza totalitari per farsi vera avanguardia.

Al palo di valori già stabiliti e derivati, le loro utopie realizzate non furono che mera oggettivazione di una debole e rachitica volontà di potenza, esattamente come deboli, malati e patetici furono Benito Mussolini, Adolf Hitler, Iosif Vissarionovič Džugašvili.

Ma voi masse, ancora oggi travagliate da virus, da crisi, dalla cattiva qualità dei tempi, in angosciosa attesa di una nuova aurora, non dovete disperare.

Confidate in Humachina, perché Humachina difenderà sempre i forti dai deboli.